ToscanaTv canale 18 sul digitale terrestre in Toscana

La Regione vara il Piano sicurezza ospedali
TOSCANA - 10/08/2018 - Che siano telecamere a circuito chiuso, dispositivi di sicurezza, illuminazione adeguata, impianti di allarme o metal detector, sistemi di pronto intervento, le aziende sanitarie toscane dovranno attrezzarsi

A Firenze il caso forse più clamoroso è quello dell'Ospedale di Santa Maria Nuova, in centro. Un vero e proprio presidio di trincea dove la sera, soprattutto nei fine settimana, vengono portato diversi ubriachi, a volte molesti. Ma non è il solo caso in Toscana. Aggressioni al personale sanitario si sono recentemente verificate anche a San Luca di Lucca e al Cisanello a Pisa. Per questo la Regione ha annunciato un vero e proprio piano sicurezza per gli ospedali. Che siano telecamere a circuito chiuso, dispositivi di sicurezza, illuminazione adeguata, impianti di allarme o metal detector, sistemi di pronto intervento, le aziende sanitarie toscane dovranno attrezzarsi con servizi di vigilanza adeguati alle loro esigenze. Se però in qualche ospedale potranno essere sufficienti le telecamere in casi come appunto quello di Santa maria Nuova servirebbe il metal detector. Quindi personale di vigilanza, che la Regione ha intenzione di aumentare. Ma visto che i vigilantes hanno compiti limitati, il presidente Rossi ha già annunciato che sta lavorando con i Comuni per finanziare nuclei di polizia municipale ad hoc. Per ora siamo nella fase del monitoraggio durante la quale gli ospedali faranno il punto sulle loro esigenze. Il piano prevede comunque anche la formazione degli operatori su come comportarsi in situazioni potenzialmente a rischio e una particolare attenzione per le guardie mediche, che spesso si trovano ad operare da sole e non sono mancati i casi di aggressione, come a un medico dell'INPS di Pisa. "Pensiamo quando possibile - ha spiegato l'assessore al diritto alla salute Saccardi - di spostare alcune sedi all'interno delle RSA o di centri di volontariato in modo che ci sia sempre qualcuno con loro. Entro fine anno il quadro dei singoli interventi necessari e delle relative coperture finanziare dovrebbe essere chiaro. La decisione della Regione anticipa quella del Governo che inizialmente aveva annunciato di voler mandare l'esercito nei pronto soccorso. L'ultimo Consiglio dei ministri ha approvato una versione light dell'annuncio della ministra Grillo. Sono state inasprite le pene e anche le minacce (non solo le violenze) a medici e infermieri sono considerate aggravanti generiche che fanno scattare l'aumento di un terzo della pena.

I TELEGIORNALI


Guarda il TG LIS

da lunedi a sabato ore 18.50


Guarda il TG TOSCANA
13.45 - 19.00 - 20.30 - 00.50
Rivedi le ultime edizioni


Guarda il TG FLASH

11.00-12.00-15.00-16.00
17.00-18.00-21.30-22.30


I PROGRAMMI




DI INTERESSE