ToscanaTv canale 18 sul digitale terrestre in Toscana

Aeroporto: oggi la Lega dice di nuovo no
TOSCANA - 11/10/2018 - L'ira del sindaco Nardella

Il sasso è stato lanciato con il documento votato all'unanimità due settimane fa nel consiglio regionale della lega (scritto dalla sindaca di cascina Susanna ceccardi): no al masterplan di Peretola così com'è (lo chiamano renzi-Carrai ma è stato approvato da Enac. E' Pisa che deve crescere; per Firenze al limite, ma forse, un allungamento minore, vediamo. Insorgono gli alleati (a livello locale) di centrodestra, insorge Confindustria. 9 ottobre, due giorni fa il sottosegretario agli esteri, il leghista toscano Guglielmo Picchi dice: "l’ultimo sì spetta al governo. E la Lega di governo manderà avanti il master plan di Toscana Aeroporti con la nuova pista parallela". Stessa cosa aveva fatto il sottosegretario alle infrastrutture Siri, compagno di Partito. Oggi, in un'intervista a Repubblica, il ministro del turismo Gian Marco Centinaio, Lega anche lui: "Firenze ha sì bisogno di un aeroporto sicuro ed efficiente ma non serve il progetto faraonico di Toscana Aeroporti, puntiamo a far crescere Pisa". E Picchi e Siri? Loro sono sottosegretari, io ministro, risponde Centinaio. Ora: hanno un bel da fare gli esponenti della Lega a gettare acqua sul fuoco ribadendo che non c'è nessuna confusione interna al partito. Le opinioni a giorni alterni anche di esponenti del governo si sommano allo storico no alla pista dei Cinque stelle creando un cortocircuito politico. Dall'altra parte c'è il PD e in particolar modo il sindaco di Firenze che anche stamani ha voluto ribadire che "l'aeroporto lo faremo. Questa Lega e' ridicola, arrogante e letteralmente ignorante, perche' parla di Firenze senza conoscerla, peggio, disprezzandola", attacca. "Lotteremo, fino all'ultimo goccia di sudore - attacca Nardella - Ci sono leggi, procedure avviate e con le regole non si puo' scherzare. C'e' la conferenza dei servizi in corso e trovo grave che politici entrino a gamba tesa ostacolando o cercando di ostacolare procedure che sono disciplinate dalle normative. È un fatto gravissimo". L'aeroporto, prosegue Nardella, "non e' un capriccio ma un progetto atteso da decenni. Riguarda il lavoro, lo sviluppo delle imprese e il futuro della Toscana: non possiamo permettere che i toscani siano costretti a prendere un aereo in un'altra regione", 'emigrando' in Emilia Romagna, su Bologna. "E riguarda la qualita' della vita delle persone che vivono a Brozzi, Quaracchi o a Peretola, visto che con la nuova pista non avrebbero piu' aerei ogni dieci minuti sulla testa". Proprio a Quaracchi, prima della seconda convocazione della conferenza dei servizi, fissata per il 9 novembre, "faremo un'assemblea pubblica alla quale, se vuole, puo' partecipare anche il ministro Centinaio", annuncia il sindaco.

I TELEGIORNALI


Guarda il TG LIS

da lunedi a sabato ore 18.50


Guarda il TG TOSCANA
13.45 - 19.00 - 20.30 - 00.50
Rivedi le ultime edizioni


Guarda il TG FLASH

11.00-12.00-15.00-16.00
17.00-18.00-21.30-22.30


I PROGRAMMI




DI INTERESSE