ToscanaTv canale 18 sul digitale terrestre in Toscana

Asimmetria doganale, illegalità economica e competitività, le proposte dei candidati pratesi
TOSCANA - 09/02/2018 - Il sostegno al distretto tessile continua a essere centrale nel dibattito elettorale

E' ancora l'economia e il sostegno al distretto a tenere banco nella campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo. Oggi pomeriggio, 9 febbraio, da una filatura di Cantagallo, il candidato del centrodestra per il collegio uninominale alla camera, Giorgio Silli, ha rilanciato la sua battaglia contro l'asimmetria doganale che crea grosse difficooltà alle imprese del distretto pratese. La Cina ad esempio invia di tutto in Europa e in Italia ma effettua una durissima selezione della merce in entrata. «Bisogna competere alla pari – spiega Silli – e se non è possibile farlo a livello di manodopera, costo dell’energia o sburocratizzazione, dobbiamo almeno pretendere parità di trattamento sul piano delle importazioni e delle esportazioni, le cui regole al momento, in molti casi, non fanno altro altro che penalizzare il nostro manifatturiero». L’impegno di Silli sarà quindi volto all’armonizzazione delle cosiddette asimmetrie doganali lavorando ad una regolamentazione degli standard qualitativi dei beni prodotti all’estero che entrano in Italia: «Non vogliamo certo mettere paletti con i dazi, chiediamo solo di poter ancora competere con il mercato globale. Questa volta anche l’Europa, che fino ad oggi sembra non avere avuto grande interesse al riguardo, se solo lo volesse potrebbe esserci di grande aiuto. Esportare prodotti di lana rigenerata negli ultimi 30 anni è diventato sempre più difficile», conclude Silli. Con l'occasione l'attuale consigliere comunale di Forza Italia incassa il sostegno di un operaio tessitore Daniele Santi che mai ha votato per il centrodestra: «Io non conosco Giorgio di persona, non siamo amici né conoscenti – spiega Santi – ma ho mandato un messaggio a Giorgio, il cui numero è pubblico, la scorsa notte mentre facevo il turno notturno in azienda. Mi ha risposto poco dopo e ho deciso di dargli il mio appoggio di operaio e di tessitore. Sono convinto che avere un candidato pratese a Roma sia necessario per noi. In passato non ho votato centrodestra. Questa volta credo che un voto per Giorgio sia un voto per il nostro distretto e per la nostra città». Patrizio La Pietra, candidato del centrodestra al collegio uninominale di Prato e Pistoia per il Senato, dice "Stop alla delocalizzazione ma, soprattutto, un forte impegno per la legalità in modo da consentire a tutte le imprese di giocarsela alla pari. Non è più possibile tollerare - afferma l'esponente di Fratelli d'Italia - che la legge per alcune aziende valga meno che per altre. Se si continua ad ammazzare di tasse e burocrazia le imprese italiane consentendo al contempo a quelle straniere di produrre ricchezza in barba a qualsiasi regola e obbligo, è chiaro che si introducono soltanto elementi disincentivanti per un qualsiasi imprenditore onesto. Bene i blitz e i controlli ma non basta. serve una politica più incisiva che vada a toccare i soldi e che così facendo generi la vulnerabilità degli imprenditori che stanno fuori dalle regole". Ieri il candidato del centrosinistra all'uninominale per la Camera Benedetto Della Vedova, ha visitato la Pinori Filati e con i titolari si è confrontato sulle prospettive del settore, che sta uscendo da un periodo di profonda crisi. "Dobbiamo proseguire con il lavoro fatto con il ministro Calenda – ha spiegato il sottosegretario agli Esteri- per consentire alle imprese del Made in Italy che si muovono sui mercati internazionali di essere sempre più competitive, investendo nella ricerca e nell’innovazione, alleggerendo il carico fiscale e, soprattutto, riducendo gli oneri burocratici per chi fa impresa”.

I TELEGIORNALI


Guarda il TG LIS

da lunedi a sabato ore 18.50


Guarda il TG TOSCANA
13.45 - 19.00 - 20.30 - 00.50
Rivedi le ultime edizioni


Guarda il TG FLASH

11.00-12.00-15.00-16.00
17.00-18.00-21.30-22.30


I PROGRAMMI




DI INTERESSE