ToscanaTv canale 18 sul digitale terrestre in Toscana

Il Governo sospende il bando Periferie, ecco i progetti a rischio a Prato
TOSCANA - 08/08/2018 - Il parco fluviale, ma anche la riqualificazione di Palazzo Pacchiani e del Bastione delle Forche. Tutti progetti già in stato avanzato di realizzazione. Il sindaco fa appello a tutti i Comuni e al Parlamento per contrastare questa misura: "O si sta

La sospensione delle convenzioni del Bando periferie contenuto nel decreto Milleproroghe approvato in prima lettura al Senato è un terremoto per il Comune di Prato che come altre 96 città italiane si era visto approvare una serie di progetti di rigenerazione urbana quali Riversibility e la riqualificazione del Bastione delle Forche e di Palazzo Pacchiani che hanno ottenuto il cofinanziamento statale per diverse migliaia di euro. Per la precisione oltre 10 milioni di euro. Durissimo il sindaco Matteo Biffoni che parla in qualità di presidente di Anci Toscana dato che la sospensione del Piano Periferie tocca anche altre città della nostra regione. “È gravissimo. - afferma Biffoni - Si condannerebbero i Comuni a stoppare o rinviare interventi strategici per risanare e riqualificare zone o quartieri nevralgici delle città, in alcuni casi in quartieri dove vivono cittadini con più difficoltà. A Prato, ad esempio - spiega il primo cittadino - abbiamo stabilito di intervenire per risanare punti sensibili del collegamento tra centro storico e periferie con i progetti di riqualificazione del Bastione delle Forche e di Palazzo Pacchiani. Noi siamo stati tra i primi 25 comuni beneficiari delle risorse stanziate dai Governi Renzi-Gentiloni, e come amministrazione abbiamo intercettato questi fondi e siamo già in fase avanzata con il progetto Riversibility, che è in corso di realizzazione, mentre sono in fase di progettazione esecutiva i recuperi di Palazzo Pacchiani e del Bastione delle Forche: il merito di questo è innegabilmente di questa amministrazione, del Governo precedente che ha stanziato i fondi. Il beneficio però è per la intera comunità, e per tutte le amministrazioni successive. E quindi non è ammissibile che il governo si rimangi impegni già presi, anche se nella legislatura precedente – afferma ancora il sindaco Biffoni. – E, lo ripeto, è necessario contrastare questa misura per far sì che l’emendamento approvato dal Senato sia cancellato dalla Camera al momento della discussione e della votazione del decreto Milleproroghe". Una battaglia che per essere vinta richiede compattezza: "Spero che tutti gli altri sindaci e i Comuni siano altrettanto netti su questo punto. - conclude Biffoni - Nessuno può tirarsi indietro. Nei consigli comunali, e nei banchi del Parlamento la scelta è netta: in questo caso o si sta con le città, o con questo Governo approssimativo e inadeguato."

I TELEGIORNALI


Guarda il TG LIS

da lunedi a sabato ore 18.50


Guarda il TG TOSCANA
13.45 - 19.00 - 20.30 - 00.50
Rivedi le ultime edizioni


Guarda il TG FLASH

11.00-12.00-15.00-16.00
17.00-18.00-21.30-22.30


I PROGRAMMI




DI INTERESSE