ToscanaTv canale 18 sul digitale terrestre in Toscana

Internet veloce anche nelle zone più isolate, si comincia da Poggio a Caiano
TOSCANA - 09/08/2018 - Stamani l'apertura del cantiere che in sette mesi porterà 5 chilometri di fibra nelle cosiddette aree bianche del territorio, dove cioè il privato non ha convenienza a investire. Entro il 2020 saranno interessati da questo tipo d'intervento tutti i

Grazie al contributo della Regione Toscana la banda ultralarga arriva anche nelle zone collinari e più isolate di Poggio a Caiano dove gli operatori privati, così come accade in altre analoghe aree bianche, non hanno convenienza a investire. Questa mattina, 9 agosto, a Poggetto si è aperto il cantiere per la posa di oltre 5 chilometri di fibra che interesserà le colline di Poggetto, Santa Cristina in Pilli, il campo sportivo di Poggio e l'area compresa tra Candeli e via Lombarda per un totale di 499 edifici. Quando per l'inizio della primavera saranno finiti i lavori, sarà coperto il 100% dell'utenza e oltre il 90% del territorio. Significa dare la possibilità a tutti di navigare a un gigabit. "Ora la fibra arriverà invece anche nelle case ed aziende più periferiche. Tutto il territorio sarà reso omogeneo, non ci saranno più cittadini di serie A e di serie B e di questo dobbiamo ringraziare la Regione" sottolinea il sindaco Francesco Puggelli, convintissimo che sulla fibra e sull'agenda digitale occorra intervenire con decisione, un punto essenziale "per ridurre il divario nell'accesso ai servizi on line" che fanno risparmio tempo e chilometri ma strategico anche per la competitività e lo sviluppo economico. I cantieri non saranno invasivi perchè per tre chilometri e quattrocento metri saranno riutilizzati cavidotti che già esistono, mentre per gli altri si scaverà una minitrincea ai margini della carreggiata. Oltre a Poggio, oggi si sono aperti i cantieri anche di Certaldo e di Roccalbegna in provincia di Grosseto. Domani toccherà a Pontremoli in provincia di Massa Carrara e poi sabato a Castel San Niccolò nell'aretino, ma tutti i comuni toscani, raggruppati in quattro fasi, saranno interessati dai lavori da qui al 2020 grazie al piano messo in campo l'anno scorso e finanziato dalla Regione attraverso i fondi comunitari. Il bando fatto da Infratel è stato vinto da Open Fiber, la società attiva in tutto il territorio nazionale per costruire e gestire un'infrastruttura in fibra ottica. In Toscana saranno realizzate opere per oltre 170 milioni di euro. "La banda larga e quella ultralarga sono tra le opere pubbliche più importanti per la nostra Regione – ricorda Vittorio Bugli, assessore alla presidenza della Regione, presente stamani a Poggio all'apertura del cantiere – e contribuiscono alla competitività e allo sviluppo dei territori come strade e autostrade. Sono infrastrutture essenziali per aziende che vogliono stare sul mercato, e anche per la qualità della vita dei cittadini". ". Internet e servizi on line infatti aiutano ad accorciare la distanza con la pubblica amministrazione e ad avere città smart. "Siamo stati la prima Regione a partire con il bando e dobbiamo sfruttare questo vantaggio: arrivare sei mesi prima o sei mesi dopo può voler dire essere competitivi o meno. Dunque occorre fare presto". "La Toscana - conclude - è stata tra le prime regioni ad investire per abbattere il digital divide. Abbiamo portato negli anni scorsi la ba nda larga dove il mercato non avrebbe da solo provveduto, e proseguiamo adesso con la banda ultralarga: una delle più grandi infrastrutture su cui stiamo investendo e che si sta estendendo simultaneamente in tutta la Regione".

I TELEGIORNALI


Guarda il TG LIS

da lunedi a sabato ore 18.50


Guarda il TG TOSCANA
13.45 - 19.00 - 20.30 - 00.50
Rivedi le ultime edizioni


Guarda il TG FLASH

11.00-12.00-15.00-16.00
17.00-18.00-21.30-22.30


I PROGRAMMI




DI INTERESSE